IL NOSTRO TEAM E LA NOSTRA ESPERIENZA

Il team composto dalle nostre Guide alpine, Maestri di alpinismo e Accompagnatori di media montagna, scelti tra i più esperti in questo campo, sono persone affidabili, dotate di buon senso e vi guideranno nelle vostre avventure.

La nostra esperienza, che vanta oltre 35 anni di attività sulle montagne del mondo, ha portato ad implementare un metodo che permette la massima soddisfazione di chi ci segue e la massima sicurezza nelle attività. Piccoli gruppi per garantire un buon apprendimento delle tecniche insegnate, per evitare confusione e per avere degli standard di sicurezza ottimali. I programmi sono curati fin nei minimi particolari, differenziati e flessibili secondo le capacità e le esigenze dei partecipanti.(Consigliamo ai partecipanti di autoorganizzarsi in gruppetti di amici dove l’affiatamento rende ancora più facile l’apprendimento).
Le tecniche insegnate sono quelle uniformate a livello nazionale della Scuola Italiana di Alpinismo, Sci-Alpinismo ed Arrampicata. Pur muovendoci in questo contesto noi aggiungiamo metodologie assolutamente originali derivanti dalla nostra esperienza alpinistica didattica e professionale.

Le escursioni, l’alpinismo, lo sciavventura sono le nostre attività praticabili da tutti con piacevolezza perché sono attività all’aria aperta che impegnano corpo e mente.
Con le nostre guide alpine e i professionisti della montagna una vacanza in Abruzzo sarà davvero speciale. Natura, alta montagna, terme, cucina genuina e prodotti tipici sono la caratteristica di questa regione. Non vi aspettate grandi strutture alberghiere o caroselli sciistici di centinaia di chilometri(anche se questi non mancano), qui assaporerete soprattutto un’atmosfera diversa composta da mille ingredienti, perchè queste montagne sono il terreno ideale per l’avventura ed anche per il relax.

 

 

GIAMPI mont DISEGNO BN

Giampiero Di Federico

Guida alpina, maestro di alpinismo


giampiero@montabruzzo.eu
Tel. +39 340 665 0939

Guida alpina dal 1979 ed Istruttore ai corsi nazionali per guide alpine per 15 anni, ha insegnato per 9 anni alpinismo, scialpinismo e arrampicata alla Facoltà di Scienze Motorie dell’Università dell’Aquila, dove è stato direttore del corso di laurea in “Sport della montagna” ed è stato anche docente presso la Facoltà di Medicina del Lavoro all’Università di Chieti. Oggi dirige la Scuola Italiana di Alpinismo Montabruzzo ed è formatore ai corsi per “Addetti e preposti ai lavori in quota e su fune”.

Sulle Alpi, tra la fine degli anni ’70 e l’inizio degli anni ’80 ripete gli itinerari più difficili come il Pilone Centrale del Freney in giornata e l’Americana al Dru in cinque ore al Monte Bianco, e ancora il Gran Capucin su “o sole mio” in poche ore, il pilastro Gervasutti al Mont Blanc du Tacul, le Nord delle Cime di Lavaredo, in libera il Diedro Oggioni alla Brenta Alta. Nel 1980 ripete in condizioni drammatiche la famigerata via Philipp Flamm al Civetta (sull’episodio fiction di “Eroi per caso” su Italia Uno).
Sul Gran Sasso tra il 1977 e il 1986, apre itinerari nuovi introducendo sul massiccio il settimo e l’ottavo grado in contemporanea con quello che succede sulle Alpi. Alcune sue vie nuove non sono state mai ripetute a distanza di 30 anni dall’apertura.
Prime solitarie e prime invernali lo vedono protagonista al Gran Sasso come il concatenamento in solitaria ed in giornata dei quattro Pilastri al Paretone (2.000 mt di scalata) e la prima invernale assoluta del III Pilastro in solitaria.
In Himalaya, in perfetto stile alpino sale l’inviolato Sia Shish, 7100 m.
Stesso stile per un ottomila, il Gasherbrum Uno, detto anche Hidden Peak, lo sale in solitaria slegato, aprendo una via nuova. Per questa impresa è definito dalla stampa specializzata “il più veloce salitore della storia su una via nuova ad un ottomila” e “il primo italiano ad aver superato un ottomila in giornata”.
Ambientalista d’azione è da anni impegnato in prima linea per la difesa delle montagne del mondo dal degrado ambientale. Per questo ha partecipato a molte iniziative ambientaliste in Abruzzo e nel mondo con la spedizione internazionale FREE K2 e il blocco della Funivia dei ghiacciai al Monte Bianco con Rheinold Messner.
Tra i fondatori e socio vitalizio di Mountain Wilderness, è socio onorario della stazione ornitologica del WWF Abruzzo e past president di Legambiente di Abbateggio (PE). Ha condotto con successo delle piccole spedizioni nel mondo come al Monte Toubkal in Marocco, al Rwenzori in Uganda, all’Alpamayo in Perù, la Diretta dei Francesi e al Monte Kenia.

 


 

Stefano Di Marco

Istruttore abilitato lavori in quota


stefano@montabruzzo.eu
Tel. +39 333 475 0381

Il settore Scialpinismo è affidato a Stefano Di Marco, meteorologo e profondo conoscitore delle nevi d’Abruzzo e del Trentino, con esperienze di scialpinismo anche fuori dai confini nazionali, cresciuto tecnicamente nella scuola regionale Montabruzzo ha accumulato notevole esperienza nello sci alpinismo con senso di responsabilità capacità valutativa, conoscitore nelle neviometereologia alpina nel settore delle valanghe, ha effettuato numerose traversate con gli sci di quasi tutti i ghiacciai d’Europa fino alla Norvegia, negli anni 90 propone insieme a pochissimi appassionati alla divulgazione dello sci alpinismo sugli appennini. Ovviamente anche il settore roccia non manca nel suo bagaglio di esperienza delle vie classiche delle dolomiti fino agli Appennini del centro Italia. Attivista nel rispetto dell’ambiente, propone lo scialpinismo come mezzo di trasporto per scoprire luoghi e posti incantati.

Tra il cielo ed il bianco della neve, non poteva mancare che uno degli ambienti più estremi della terra: il deserto del Sahara dove ha condotto diverse spedizioni nel tra Mauritania, Marocco ed Algeria.